Blog

da viareggio in ogni dove, ultimo articolo

Lago di Landro, uno specchio d’acqua sotto le ripide e maestose Dolomiti

26 marzo 2020, Author: admin088

Lago di Landro – Val di Landro

Trentino Alto Adige

By Giovanni&Nicoletta

Il piccolo lago di Landro è una meta vicina da raggiungere se siamo in vacanza tra
l’Alta Pusteria e il Cadore, praticamente si trova adiacente alla strada che collega
Misurina a Dobbiaco. Venendo da Dobbiaco si percorre la strada statale 51 per circa
12 km, invece venendo da Misurina si percorre la strada statale 49 e al bivio
Carbonin si gira a destra sulla strada statale 51, in tutto circa 8 km. Cortina
d’Ampezzo è a circa 20 km. In direzione Dobbiaco troviamo l’omonimo lago e nelle
vicinanze il famoso lago di Brajes, noto al pubblico per essere il teatro della fiction
A un passo dal cielo”.

Un percorso storico

Agli inizi dell’800 la Val di Landro, grazie alla vicinanza del lago di Misurina, iniziò ad
avere un riconoscimento come meta turistica e si narra che qui vi soggiornò anche la
Principessa Sissi. La dove ora è presente il percorso esisteva una ferrovia che
collegava Calalzo nel Cadore a Cortina d’Ampezzo all’Alto Adige a Dobbiaco costruita
per scopi militari dall’esercito austroungarico. Dopo la Grande Guerra fu convertita
ad uso civile fino ai primi anni 60 per essere poi riqualificata e recuperata come
percorso cicolpedonale.

La postazione panoramica

Arrivati al lago si trova facilmente parcheggio lungo la strada, ma noi abbiamo
parcheggiato un km più avanti a circa un km in direzione Dobbiaco venendo da
Misurina. Qui c’è la postazione panoramica per ammirare le Tre Cime di Lavaredo,
ben visibile dalla strada. Un portale in cemento armato e rocce dolomitiche che
simboleggia i rilievi dolomitici, corredato da pannelli informativi, accoglie i turisti che
si fermano alla postazione panoramica. Qui un potente telescopio (ad uso gratuito)
permette di ammirare da vicino le splendide pareti rocciose delle Tre Cime di
Lavaredo e nelle giornate particolarmente limpide si ha la fortuna di vedere in
azione anche gli alpinisti nelle loro arrampicate sulle ferrate. Per arrivare al lago di
Landro si torna indietro a piedi, circa 2 km, percorrendo la pista ciclopedonabile.

Lago di Landro

Notiamo subito un cippo con una ruota in ricordo della teleferica che esisteva ai
tempi della prima guerra mondiale e serviva per rifornire gli alpini sulle postazioni.  Se alziamo gli occhi vediamo dall’altro lato della strada le pareti
ripide delle Dolomiti dove i rocciatori provetti si dilettano in arrampicate
vertiginose. Il lago è un luogo di relax dove i turisti oltre che passeggiare, fare pic nic,
i più audaci si spingono per un tuffo. Alcuni turisti ci hanno detto che il lago non è
profondo e mediamente la temperatura dell’acqua è ottima considerando che è un
lago di montagna a 1.400 metri sopra il livello del mare, considerato uno dei più
caldi d’Europa. Di fianco al lago vicino alla strada statale passa la ciclopedonabile che
collega Dobbiaco a Cortina d’Ampezzo, frequentata dagli amanti della
mountainbike. Il lago d’inverno per molti mesi si presenta ghiacciato ed è utilizzato
per lo sci di fondo.
Dal lago parte un sentiero denominato dei Pionieri che porta in vetta allo storico
Monte Piana, dove furono combattute sanguinose battaglie della Grande Guerra.
Noi abbiamo fatto una piacevole passeggiata intorno al lago e una sosta all’ombra
per il pranzo al sacco. L’ammirazione dei colori spettacolari è accompagnata da una
quiete che tuttavia ogni tanto è interrotta dal passaggio delle auto della vicina
strada, ma ne è proprio valsa la pena perchè ci si rigenera completamente immersi
in questi paesaggi incontaminati delle Dolomiti Patrimonio Mondiale Unesco.

Terminata la passeggiata rilassante intorno al lago, se tornate in direzione Misurina
e non avete ancora pranzato, fermatevi a gustare qualche piatto tipico alla Malga
Popena, la troverete facilmente lungo la strada statale 49.

 

OGNI DOVE È UN’EMOZIONE